Negli anni 80 insegnavo a programmare ma cosa è cambiato e quanto è cambiato. Un primo cambiamento al di là dei vari linguaggi di programmazione c’è stato all’inizio degli anni 90. Infatti parlando di programmazione riferita ai computer che conosciamo , alle reti che conosciamo ed alla rete globale che conosciamo sono cambiati gli spazi e le potenze. Negli anni 80 dovevamo leggere più dati possibili in tempi veloci ed immagazzinando in spazi ridotti . Aumentando le capacità dei dischi e le capacità di elaborazione si è persa l’abitudine di fare economi è sicuramente ci si è lasciati andare alla ridindanza .Nei due decenni successivi sono cambiati anche i linguaggi e sono diventati ad oggetto. Dal codice si è passati al codice disegnato fino ad arrivare ai giorni nostri dove la maggior parte del codice è un CMS. CMS è l’acronimo di Content Management System (in italiano Sistema per la Gestione dei Contenuti). Ottimo prodotto per fare siti web e non solo a cui il programmatore aggiunge codice modificandone o integrandone il contenuto . Il risultato è quello di non essere mai completamente padroni del programma. Gli autori diventano tanti e non parliamo se aggiungiamo plug-in ovvero moduli software aggiuntivi che integrano il CMS.

Nel tempo in pratica la figura di chi programma è cambiata notevolmente . Un buon programmatore è colui che prima di scrivere un qualsiasi codice è in grado di conoscere la problematica che deve risolvere meglio del suo committente stesso. Oggi purtroppo non sempre è così. Il motivo principale è che manca una vera formazione all’analisi e non ci si preoccupa più delle potenze elaborative perché apparentemente non necessario .

Il risultato è quello di vedere spesso software non strutturato e quindi poco revisionabile.

Questa non è da considerarsi una critica ma una considerazione che mi fa pensare che questo metodo andrà cambiato e non può rappresentare il futuro.

Forse cresceranno i CMS forse ci sarà un PHP ad oggetti ma sicuramente andremo verso un prodotto sempre più intelligente e versi lo sviluppo tramite intelligenza artificiale forse in sintesi vocalle. Forse il programmatore inteso come colui che risolve problemi con un codice sparirà .

  1. g.p.